Come tagliare la lista degli invitati

Come tagliare la lista degli invitatiCi sono tantissimi modi per risparmiare e abbattere i costi quando si organizza un Matrimonio e Nozzefurbe vi propone di continuo idee e alternative valide.

Forse il metodo più efficace ed immediato per spendere meno è anche il più intuitivo: invitare meno persone.

Se considerate che in media un pranzo di nozze costa circa 100€ a persona, capite bene che invitando 10 persone in meno avrete già ottenuto un risparmio di 1.000€ e, se da 200 persone riuscite ad invitarne solo 100, il risparmio sarà addirittura di 10.000€.

Sappiamo però quanto è difficile riuscire a limitare il numero degli invitati, soprattutto perché spesso sono i genitori a fare pressioni affinchè si invitino anche parenti molto lontani, che neanche gli sposi conoscono.

Vediamo oggi come fare a ridurre gli ospiti senza fare scontento nessuno.

Cerimonia intima seguita da grande festa

Un modo per spendere meno potrebbe essere quello di prevedere una piccola cerimonia intima seguita da un pranzo per pochi parenti stretti e poi organizzare una grande festa in serata, con buffet e ballo per tutti quegli amici, parenti, vicini di casa che altrimenti rimarrebbero fuori.

Un buffet costa meno di un pranzo o di una cena seduta e molti ospiti si sentiranno sollevati dall’impegno di lunghe ore seduti ad un pranzo estenuante.

grande festa

Inoltre la festa sarà più divertente, più giovane e vivace e molto meno monotona.

Destination Wedding

State organizzando le nozze e vi sentite stressati? Vi siete mai chiesti “Chi ce lo fa fare? Scappiamo via!”?

Ecco, la fuga di Nozze è sicuramente una scelta economica, ma se non volete rinunciare ad avere accanto i vostri cari senza essere costretti ad invitare tutto il parentado, una buona soluzione è organizzare quello che gli inglesi e americani chiamano “destination wedding”, un matrimonio in terra straniera.

sposarsi a Parigi

Immaginate quanto sarebbe romantico sposarsi a Parigi e pensate al vantaggio di recarvi li insieme ai familiari più stretti. Certo, ci sarebbero i costi per l’aereo e l’hotel, ma se considerate che un matrimonio tradizionale costa minimo 15.000€ sicuramente si riesce a spendere meno andando a sposarsi all’estero, ma anche in una città d’arte tutta italiana, come Venezia, Roma, Firenze o la spettacolare costiera amalfitana.

C’è da dire che noi in Italia siamo abituati al “chi invita, paga” mentre all’estero sono gli invitati a provvedere singolarmente agli spostamenti e all’alloggio. Se però limitate gli inviti ai genitori, ai fratelli e ai testimoni, il costo totale potrebbe comunque essere inferiore ad un matrimonio con 200 invitati.

ricevimento pre-matrimoniale

Personalmente ho optato per questa scelta, perché io e mio marito non volevamo troppi invitati, ma i miei genitori sentivano di avere degli obblighi verso amici, parenti e vicini che sarebbero stati tagliati fuori.

In pratica abbiamo organizzato una cena in agriturismo un paio di settimane prima delle nozze. Abbiamo speso 25€ a persona compresa la torta e i fiori. Abbiamo anche chiamato un musicista che ha allietato la serata, ci ha fatto ballare e cantare e sono tutti rimasti contenti.

ricevimento pre-matrimoniale

Al pranzo il giorno del matrimonio eravamo solo in 80 e abbiamo pagato 80€ a persona. Se avessimo invitato tutti, avremmo speso 4000€ in più.

E alcune persone invece di offrire una cena seduta, organizzano una serata a buffet, con musica e ballo, più informale e con la possibilità di organizzare il ricevimento nel giardino di casa, per chi ha la fortuna di averne uno sufficientemente capiente.

Festa senza bambini

Se avete una parentela che annovera molti bambini sotto i 16 anni, una idea per tagliare gli invitati è quella di specificare che si tratta di una festa per soli adulti. In Italia questa pratica è poco comune e molta è la resistenza da parte di ospiti con figli particolarmente piccoli che difficilmente si riescono a sistemare altrimenti, ma se optate per una festa serale è più facile convincere le mamme italiche a “mollare” i figli solo per una sera.

Questa soluzione è vantaggiosa anche perché vi permetterà di avere una festa più sofisticata, se volete, senza dovervi preoccupare di cercare una location con spazi attrezzati per i bambini e senza dover spendere ulteriormente per pagare un animatore o organizzare dei giochi e dei doni per intrattenere i più piccoli.

 festa senza bambini

In definitiva la cosa migliore è essere gentili e onesti con i vostri conoscenti, spiegare che preferite una cerimonia intima anche per motivi economici non è disdicevole, ma ammirevole.

Se decidete di applicare una regola, come quella di non invitare bambini, badate bene di non fare eccezioni, perché poi qualcuno potrebbe davvero risentirsi. Lo stesso discorso vale per i gradi di parentela. Se decidete di invitare anche i cugini, bisogna che li invitiate tutti, per non far rimanere male qualcuno.

Si tende a dire che la festa è vostra e che solo voi potete decidere chi invitare o meno, ma spesso non è così, per via delle rispettive famiglie degli sposi, che avanzano richieste, spesso pretese.

Cercate anche di capire chi paga, perché se sono i vostri genitori a pagare il pranzo è inevitabile che vogliano decidere anche loro chi invitare.

Ricordate di mantenere la calma e di non farvi rovinare la festa da queste questioni, sorvolare e lasciare correre li dove si verrebbe a creare uno scontro aperto è spesso la migliore soluzione. State organizzando una festa, non una guerra di famiglia.

Nel caso invece abbiate dei dubbi se invitare o meno qualcuno, provate a farvi aiutare da questo specchietto:

 lo invito?

Foto di: Lizelle Lotter, Sweet little photographs, Amy and Stewart photographyCloser to love photography, Dphotographer


Nozzefurbe.com