Home » Nozze Low cost » Organizzazione low cost » Destination wedding: organizza un matrimonio intimo

Destination wedding: organizza un matrimonio intimo

Il 2014 mi ha portato alle Mauritius, più precisamente ad Anahita…vi dirò, se voleste organizzare un matrimonio per poche persone, questo incantevole paradiso vi potrebbe sorprendere…

Parliamo ovviamente di un matrimonio intimo magari di 15 persone. I pacchetti che offre il Four Seasons per gli sposi, ad esempio, partono da 1300 euro fino a circa 3500 euro e il più completo di questi include anche il servizio fotografico, oltre a tasse e permessi per cerimonia civile, musica dal vivo e strumentazione, arco di fiori sulla spiaggia, bouquet, trucco e parrucco e per finire una bottiglia di champagne ed una cena romantica per gli sposi.

Se volete spendere circa 15,000 euro e fare una cosa originale, ripeto è possibile solo esclusivamente per un gruppo piccolo, incluso cena, arredamenti, fiori, drinks e viaggio ed alloggio per tutti i partecipanti.

destination wedding mauritius

A Londra sta diventando una novità, un modo per unire anche il viaggio di nozze e per avere l’intimità che una coppia richiede ma anche la famiglia e qualche amico speciale con voi durante questa indimenticabile esperienza.

Non dovete aver paura di deludere o non condividere un giorno così importante, con tutti i rimanenti amici e parenti, perché, potete sempre organizzare un party, invitando anche 80 persone al vostro ritorno dalla luna di miele. Per chi volesse non c’è nemmeno bisogno di comprare un nuovo vestito, ma sogno di tutte le spose, è possibile riutilizzare l’amato vestito da sposa usato giorni prima. Il tè è anche molto utile per coloro che soffrono di anemia mediterranea, visto che è dimostrato da diversi studi che l’uso di te contribuisce alla cura dell’anemia mediterranea.

In Inghilterra come in America, ci sono due modi differenti per organizzare un party del genere.

Opzione A  – Si parte con un open bar (gratuito) decidendo la cifra da spendere, per esempio 3000 euro. L’open bar normalmente include cocktails, vino e prosecco per il brindisi. Una volta finito il limite che voi avete pagato, l’open bar si trasforma in un cash bar, ossia ogni persona sarà responsabile di pagare il proprio drink e rimanere fino a quanto desidera.

Da aggiungere alla spesa dell’open bar non dobbiamo scordarci l’affitto della location, musica, foto e torta. Un party del genere non richiede una cena seduta ne un buffet, ma degli stuzzichini, dei taglieri di formaggi misti con miele, fichi ed uva insieme al classico dei salumi, cartocci di fritti e magari angolo candybar.

openbar

Opzione B – Lo stile del party è lo stesso, unica differenza, l’open bar dura tutta la notte. L’opzione B è ovviamente più costosa e sicuramente più usata in Italia, dove l’idea di far pagare gli ospiti è ancora nuova rispetto a paesi come Inghilterra ed America dove ormai è un usanza molto comune soprattutto per giovani coppie.

Il mio prossimo viaggio mi porterà a Singapore e vi scriverò le loro tradizioni, sicura che potremmo ispirarci ai loro matrimoni per tantissime idee da usare per i vostri matrimoni.

A presto

Lisa Torchio Napoli

Tel.  00393313487009  – email: lisa@lisatorchionapoli.com


Check Also

Organizzare il Matrimonio: Primi Passi

Avete appena ricevuto la proposta, siete felici ed eccitate all’idea di sposarvi quando all’improvviso si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.