Home » Nozze Low cost » Abiti e accessori low cost » Accessori sposa: scegliere quelli più belli e abbinarli con gusto
accessori-sposa

Accessori sposa: scegliere quelli più belli e abbinarli con gusto

Chi oserebbe dire che sono superflui? Gli accessori sposa rappresentano la personalità della donna che li indossa, sono il completamento indispensabile per un abito scelto con cura. Veli, scarpe, cinture, guanti, bigiotteria, lingerie, cappelli, fermagli, cerchietti e diademi: ecco i consigli per sceglierli, abbinarli ed essere splendide nel giorno del proprio matrimonio.

Come scegliere gli accessori sposa: i consigli di Nozzefurbe

Quali sono le caratteristiche principali che devono contraddistinguere gli accessori sposa? Eleganza, raffinatezza ma anche comfort e originalità. Anche il look più semplice e lineare acquista un tocco di unicità grazie ad accessori scelti con personalità e buon gusto.

La prima regola è che gli accessori di solito vanno scelti sul finale o comunque dopo aver già definito l’abito, l’acconciatura, le scarpe e l’intimo. Per ogni tipo di accessorio scelto l’importante è che risulti in armonia con gli altri e che l’insieme sia uniforme. Un vestito semplice non andrebbe di norma abbinato con gioielli sofisticati e molto lavorati, secondo le regole del galateo.

Vediamo qui di seguito i piccoli accorgimenti di cui tener conto nella scelta dei principali accessori sposa da poter abbinare alla propria mise per il giorno del matrimonio.

I guanti: assolutamente non necessari ma di solito sempre presenti nelle cerimonie molto formali. La regola è che il tessuto sia lo stesso dell’abito o del velo nonché dello stesso colore e tonalità. Il galateo stabilisce che la sposa, una volta arrivata all’altare, sfili entrambi i guanti e appoggiarli sull’inginocchiatoio davanti al bouquet.

I gioielli: il bon ton del matrimonio vuole che la sposa non indossi alcun tipo di gioiello, neppure l’anello di fidanzamento. Concessi solo piccoli orecchini come i punti luce o un sottile filo di perle. In alternativa, per impreziosire il collo o le braccia si possono utilizzare nastrini o applicazioni ricamate con dei fiorellini.

Il cappello: chi ama questo accessorio dovrà prestare particolare attenzione alla sua scelta. Da sapere che di solito è molto utilizzato per i matrimoni in Comune e se invece il matrimonio si svolge con funzione religiosa in Chiesa deve considerarsi un’alternativa al velo. La sposa dovrà farsi consigliare dall’atelier per essere certa di non sbagliare l’abbinamento del cappello all’abito che ha scelto di indossare per il gran giorno.

Il velo: uno degli accessori sposa più amati in assoluto. Il velo da sposa impreziosisce, regala un’aria sofisticata, è romantico e misterioso. E poi svolge l’utile funzione di coprire spalle e braccia se l’abito è piuttosto scollato. Insieme al velo vanno scelti di solito altri accessori che serviranno a fissarlo nei capelli come pettinini, un diadema o una coroncina.

L’intimo: un accessorio in realtà indispensabile ma che non lascia margini all’estro. La lingerie della sposa deve essere liscia e semplice per non segnare l’abito e in effetto nude per evitare anche il minimo contrasto con il bianco della gonna o del corpetto. Le calze vanno indossate sempre anche con i sandali (ovviamente avendo cura di scegliere quelle con cuciture invisibili. Chi opta per le autoreggenti potrà indossarle senza problemi purché non si intravedano per nessun motivo. Infine la giarrettiera: un classico e un portafortuna al tempo stesso.

Infine, le scarpe: solo un dettaglio? Non proprio, piuttosto un particolare che tutti noteranno e che va scelto con cura tra gli accessori sposa. Cosa dicono le regole di bon ton riguardo alla scelta delle scarpe? In genere vanno scelte sempre chiuse, anche d’estate ma chiaramente possono essere ben scollate (seppur senza punte esagerate). Il tessuto e il colore devono essere dello stesso colore dell’abito.

 


Check Also

cdfa54053805c4a7f07a2686eb2f2fc9

La sposa vanitosa: atelier e non solo

La sposa vanitosa è un atelier di abiti da sposa di Fidenza (Pr), ma non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *