Home » Nozze eco » Viaggio di Nozze Eco » Quanti tipi di viaggi green?

Quanti tipi di viaggi green?

Quanti tipi di viaggi green?State organizzando il matrimonio dei vostri sogni e avete optato per le alternative più eco-sostenibili? Sicuramente anche il vostro viaggio di Nozze sarà basato sul rispetto ambientale.

Preservare l’ambiente è un tema sempre più importante di questi tempi, anche nel business del turismo, che è di solito molto dispendioso, in termini di energia e impatto ambientale e per questo si sente sempre più spesso parlare di Ecoturismo, Turismo Sostenibile e Turismo Responsabile, ma cosa significano nello specifico?

Che differenza c’è tra turismo responsabile ed eco-turismo?E E tra turismo sostenibile e turismo comunitario? Sono termini tutti molto simili ed è facile che si generi un po’ di confusione.  Inoltre uno degli errori che si commette più di frequente, è di immaginare che una vacanza ecologica sia sinonimo di mancanza di comodità e questo non è assolutamente vero.

Per chiarire i diversi equivoci, conoscere e capire i termini più diffusi e il loro significato specifico abbiamo chiesto aiuto a Maurizio Davolio della A.I.T.R.  – Associazione Italiana Turismo Responsabile 

Maurizio Davolio ci spiega che l’A.I.T.R.  ha una propria definizione di Turismo Responsabile, che principalmente comporta il riconoscimento della centralità degli interessi e delle volontà della comunità ospitante, che sono prioritari rispetto a quelli del turista. Un turista responsabile deve rispettare il territorio che visita, il suo patrimonio storico, artistico, naturalistico e, soprattutto, deve rispettare la popolazione locale, con la propria cultura, le proprie credenze e i propri stili di vita. Il turista responsabile di adatta a questi fattori e non pretende che siano i popoli ad adeguarsi.

La Commissione Europea, ci informa Maurizio Davolio,  sta per approvare una Carta Europea del Turismo Sostenibile e Responsabile che acquisterà grande rilevanza.

Nel frattemo cerchiamo di capire nello specifico il significato e le definizioni principali di: Eco-Turismo, Turismo Responsabile o Solidale, Turismo Sostenibile o Comunitario.

1.            ECO-TURISMO

In accordo con la TIES, The International Ecotourism Society, l’Ecoturismo è “turismo in aree naturali che conserva l’ambiente e migliora il benessere della popolazione locale”. Il turismo ecosostenibile è un turismo a basso impatto ambientale, cioè rispettoso della natura e della cultura del posto. Un turista ecosostenibile è attento alle mete e agli alberghi che sceglie, ai mezzi di trasporto che utilizza per raggiungere la destinazione della propria vacanza, ai comportamenti in un paese diverso dal proprio.

Maurizio Davolio ci spiega che l’eco-turismo rientra nella classificazione del turismo per destinazione, ad esempio il turismo marino, montano, lacuale, termale, congressuale, ecc. In poche parole è il turismo che ha come destinazione la Natura. Tuttavia nel tempo questa definizione si è caricata di significati simili al turismo sostenibile, in quanto al proprio interno prevede delle norme di rispetto dell’ambiente naturale che si va a visitare, della flora, della fauna, del paesaggio e anche della componente antropica che vive nei territori visitati dal turista.

Esempio di destinazione di Eco-Turismo:

Costa Rica: turismo responsabile tra i due Oceani

Costa Rica: turismo responsabile tra i due Oceani

Viaggio alla scoperta del paese più ricco di Felicità del Mondo. Si viaggia alloggiando presso famiglie della zona, si camminerà attraverso i Parchi Nazionali alla scoperta dei gioielli della Natura.

17 giorni / 16 notti sistemazione in B&B, fincas, albergo agri-ecoturistico e lodge

Partenze: 26 dicembre 2012 (3250€ a persona) e 5 Marzo 2013 (2900€ a persona)

 

2.            TURISMO RESPONSABILE o TURISMO SOLIDALE

Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture che si stanno visitando. Quando si fa turismo responsabile, si riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Il turismo Responsabile favorisce la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori.

Quello che noi chiamiamo “turismo responsabile” sarebbe più correttamente definibile “turismo solidale” in quanto prevede buone pratiche che riguardano la sfera della solidarietà. Ecco alcuni esempi di pratiche che rendono il turismo solidale o responsabile:

  • ricorso a fornitori locali per alloggio, ristorazione, trasporto, servizio di guida, shopping ecc.,
  • visita a progetti di cooperazione,
  • incontri con le rappresentanze delle popolazioni locali,
  • severe regole di rispetto dei costumi locali,
  • previsione della quota di solidarietà,
  • trasparenza del prezzo

Il concetto di turismo responsabile riguarda generalmente la domanda turistica e l’intermediazione, come i viaggiatori,  ma anche gli organizzatori di viaggio, mentre il concetto di turismo sostenibile è applicato in genere all’offerta, ad esempio la politica turistica territoriale, la ricettività.

Esempio di destinazione di Turismo Responsabile:

Egitto: il fascino del viaggio di turismo responsabile

Egitto: il fascino del viaggio di turismo responsabile 

Ricco di opportunità per entrare in contatto con le persone che vivono nei luoghi suggestivi toccati dal tour. Nella quota di partecipazione sono compresi 70€ che verranno devoluti a sostegno di un progetto per lo sviluppo locale.

10 giorni con quote a partire da 1170€ a coppia.

3.            TURISMO SOSTENIBILE o COMUNITARIO

Il turismo sostenibile è un po’ l’unione tra eco-turismo e turismo responsabile. Secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismoil turismo sostenibile (….) è un processo che soddisfa le esigenze dei turisti e delle comunità ospitanti, proteggendo e migliorando le esigenze per il futuro

Per turismo sostenibile… s’intende…ogni forma di attività turistica che rispetta e preserva a lungo termine le risorse naturali, culturali e sociali e che contribuisce in modo positivo ed equo allo sviluppo economico e al benessere degli individui che vivono e lavorano in questi spazi

Criteri per il Turismo Sostenibile:

  • opera entro le capacità naturali per la rigenerazione e la produttività futura delle risorse naturali;
  • riconosce il contributo all’esperienza turistica di popolazioni, comunità, costumi e stili di vita;
  • accetta che le popolazioni debbano avere un’equa distribuzione dei benefici economici del turismo;
  • è guidato dalle aspirazioni delle popolazioni locali e delle comunità dell’area ospite”

Per Maurizio Davolio il turismo Comunitario è una forma di turismo Sostenibile e Responsabile, caratterizzata dal coinvolgimento dell’intera popolazione. Non solo gli operatori di ricettività, della ristorazione, del trasporto, ma anche gli agricoltori, gli allevatori, i pescatori, gli artigiani, i commercianti, le associazioni culturali e sportive, il volontariato, le autorità religiose e le ONG. Il turismo comunitario ha l’obiettivo di favorire una equa distribuzione delle ricadute economiche e di lavoro, generati dal turismo, sull’intera popolazione locale. Se la gestione dell’attività turistica è democratica e partecipata, saremo certi che parte dei ricavati verranno destinati ad iniziative di pubblica utilità.

Esempio di Turismo Sostenibile:

Giava e le isole della Malaysia

Giava e le isole della Malaysia 

Viaggio che finanzia e sostiene il progetto di una casa-famiglia per bimbi in difficoltà a Giava.

18 giorni a partire da 1950€ inclusi i voli e le quote di solidarietà

 

Ringraziamo Maurizio Davolio dell’A.I.T.R. per averci aiutato nella definizione delle diverse tipologie di viaggi.

Associazione Italiana Turismo Responsabile

 

Foto da: Costaricamagazin, PanoramioPaleoastronomia


Check Also

Scegli una luna di miele sostenibile

Il turismo ha sicuramente un forte impatto sul pianeta, ma ci sono degli accorgimenti e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *