Home » Nozze eco » Fiori e Decorazioni » Intervista a V as LoVe

Intervista a V as LoVe

Intervista a V as LoVeLudovica di V as LoVe è stata una piacevole scoperta, in un giorno di navigazione folle e disperata nel selvaggio web.

Siamo abituati a vedere fantastici bouquet non floreali nei real wedding stranieri, un po’ rassegnati sul fatto che in Italia sia più difficile trovare qualcuno che realizza piccoli capolavori con materiali alternativi. Certo, si può comprare online e aspettare la lunga consegna da oltre oceano, ma volete mettere la comodità di contattare e dialogare con una creativa italiana, la rapidità nel ricevere la spedizione e la facilità di poter anche concordare una consegna a mano?

Eccoci quindi a presentarvi Ludovica di V as LoVe e i suoi splendidi bouquet non floreali.

Ciao Ludovica, parlaci un po’ di te, raccontaci chi sei, quali sono le tue passioni.

Piacere Sandra, io sono Ludovica… o meglio, sono Vic!

Sono una bouquet designer e creatrice di V as LoVe, il progetto di accompagnare ogni sposa all’altare con un piccolo pezzo di sé tra le mani, che resti al suo fianco per sempre. E’ un nuovo modo di concepire il bouquet, come una combinazione di materiali non convenzionali. E’ arte, design e artigianato che si fondono tra di loro per creare una composizione unica, studiata ad hoc per ogni donna.

27 anni (ancora per poco), nata sotto il segno della Bilancia, terza di cinque figli, amante di tutto quello che posso “costruire” con le mie mani. Che si tratti di una coperta, di una torta o di un tavolo poco importa… mi piace imparare cose nuove e più sono attività a me non affini più la voglia di riuscire mi sprona a tentare! Giusto qualche giorno fa stavo valutando l’idea di imparare a fare impianti elettrici… e poi ho finito per sfornare mille biscotti glassati! Credo che “eclettica” sia l’aggettivo che meglio mi descrive, ma l’elenco delle cose che vorrei imparare è ancora talmente lungo che forse più che una descrizione della mia personalità si tratta di un obiettivo da raggiungere.

Bouquet non floreale

Quali strade ti hanno portata a realizzare i tuoi splendidi bouquet non floreali?

Fin da piccola ho dimostrato di avere abilità manuali e artistiche abbastanza spiccate che sicuramente la mia famiglia mi ha aiutata a coltivare. Già ad 8 anni ad esempio lavoravo a punto croce e cucivo vestiti per le Barbie, disegnavo bozzetti di vestiti da sposa e dipingevo sui muri di casa… è stato sicuramente tutto allenamento! Dopo il liceo ho poi scelto la Facoltà di Architettura ed Interior Design, mi sono laureata al Politecnico di Milano dove per anni ho realizzato plastici e prototipi di tutti i generi ed ho poi avuto la fortuna di lavorare nello studio di Marco Lodola, uno dei maggiori esponenti artistici contemporanei,  che seguivo passo passo nella realizzazione delle sue sculture luminose.

bouquet di stoffa

Da cosa trai ispirazione per i tuoi lavori?

Il web è sicuramente fonte inesauribile di ispirazione, ma in realtà mi rendo conto io stessa di quanto talvolta le associazioni che mi portano alla realizzazione di una nuova creazione siano retaggi di studi passati o riferimenti ad interessi collaterali che a prima vista sembrano non avere nulla a che fare con l’ambito del wedding ma che in realtà sono proprio la sfumatura che da la personalità ad ogni singolo bouquet. Passo dal design alla fotografia, dall’artigianato alla cucina, dall’arte alla moda e da ognuno di questi ambiti “rubo” qualcosa che poi reinterpreto in una composizione nuova.

bouquet di stoffa

bouquet di carta

Quali materiali impieghi e perchè?

Non mi pongo nessun vincolo nell’utilizzo dei materiali… tutto quello che mi può aiutare a realizzare meglio quello che mi frulla per la testa viene preso in considerazione! Mi piace capire il potenziale di ogni singolo materiale, utilizzarlo in modo insolito e dargli un nuovo significato… e anche su questo versante si tratta di una ricerca continua!

Quali sono i materiali che preferisci?

Ho una naturale predilezione per la carta e la stoffa, ma devo ammettere che uno dei miei bouquet preferiti è realizzato quasi interamente in corda di canapa.

bouquet non floreale

Come si svolge il lavoro quando una sposa ti commissiona un bouquet?

La prima cosa che mi interessa capire è come la sposa si immagina il giorno delle sue nozze. Bastano un paio di aggettivi per identificare l’atmosfera all’interno del quale il bouquet si deve integrare. Poi mi piace capire la personalità di chi lo terrà tra le mani, anche per  valutare fino a che punto mi posso spingere con l’originalità del prodotto.

Quanto tempo impieghi per realizzare un bouquet?

I tempi dipendono dal tipo di lavorazione ma da quando inizia la progettazione, alla ricerca dei materiali alla lavorazione vera e propria servono almeno due o tre settimane di lavoro pieno… prima si inizia più tempo c’è per studiare il progetto ad hoc e nel minimo dettaglio!

bouquet non floreale

E’ possibile realizzare anche altri elementi personalizzati, come bottoniere, segnaposto, bomboniere, ecc.?

Ovviamente sì! Uno dei miei progetti futuri è proprio quello di lanciare una serie di accessori che abbiano lo stesso intento morale e artistico dei miei bouquet: non si butta via nulla ma tutto resta un ricordo di quella giornata! Si tratta ad esempio di decorazioni per la chiesa che diventano bracciali per le invitate, menù che si trasformano in costruzioni, partecipazioni da collezionare…

V as love from giuli&giordi on Vimeo.

Hai qualche consiglio da dare ad una sposa che sta pensando ad un bouquet non floreale?

E’ sempre meglio aver scelto prima l’abito per riuscire a creare l’armonia giusta con l’intera figura della sposa. Dopodiché, personalmente, io azzarderei. Colori, materiali e forme fuori dagli schemi per dare più personalità… uscire un po’ dagli schemi imposti dalla tradizione insomma!! E ricordarsi  sempre del valore artistico e sentimentale di quella creazione che si porterà tra le mani… non più fiori ma un vero e proprio testimone del tanto sognato “sì, lo voglio” che resterà sempre al fianco di chi lo “indosserà”

Quali sono le tue aspettative per il futuro?

In primis vorrei ampliare gli orizzonti della mia offerta: non solo bouquet ma una serie più completa di elementi che accompagnino la cerimonia. Poi spero di riuscire ad esportare questo progetto anche all’estero… non credo nei vincoli territoriali dettati dai confini, soprattutto in un’epoca dominata da internet, quindi… perché non tentare?! A breve infatti aprirò uno shop online proprio con questo intento… e poi quel che sarà sarà!

Se una sposa non abita nella tua zona come può avere un tuo bouquet?

I bouquet possono tranquillamente essere spediti ovunque, sia in territorio nazionale che non… ed i modi di contattarmi sono infiniti: mail, telefono, social network… Io sono pronta a soddisfare tutti i capricci di ogni sposa!

spedizione bouquet non floreale

Recentemente hai partecipato come ospite a Wedding House su Wedding TV… quali sono i prossimi impegni?

A fine settembre potete venirmi a trovare a SposIdea 2012… ci saranno i miei bouquet, la sottoscritta, un piccolo delizioso gadget per le future spose e due creazioni un po’ particolari di cui però non voglio svelarvi nessun dettaglio.


Ringraziamo Vic per averci raccontato meglio cosa fa e cosa può fare per le spose che cercano originalità nel proprio bouquet.

Per maggiori informazioni, visitate il blog di V as Love la sua Pagina Facebook o il suo sito V as Love

VasLoVe-sito


Check Also

Matrimonio fruttato

Avete mai pensato che la frutta potrebbe diventare un elemento decorativo per il vostro matrimonio? …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.